• Salus Vercelli

Strappo muscolare e fisioterapia, un binomio importante.

In ambito sportivo, spesso si sente parlare di strappo o distrazione muscolare, ovvero, una lesione piuttosto grave che causa la rottura di fibre che compongono il muscolo.


Lo strappo, si verifica a causa di una sollecitazione importante (Scatto improvviso o per una forte contrazione) e spesso si verifica in condizione di scarso allenamento o per un non corretto riscaldamento pre-attività sportiva.

I distretti muscolari più frequentemente colpiti, sono i muscoli della coscia ( quadricipite, flessori, adduttori) e della gamba (tricipite surale).


Le lesioni muscolari non sono tutte uguali, si differenziano tra di loro per il numero di fibre coinvolte e si dividono in:

  • Strappo di I grado: lesione di poche miofibrille all’interno del fascio muscolare.

  • Strappo di II grado: lesione di uno o più fasci muscolari. Il numero di fibre danneggiate è maggiore (tra il 5% e il 50%). Presenza di dolore intenso nella zona dello strappo e nel numero maggiore dei casi c’è la formazione di un ematoma (a volte non visibile)

  • Strappo di III grado : lesione completa o sub-totale (3/4 delle fibre).Presenza di dolore intenso nella zona dello strappo , impotenza funzionale e formazione di un ematoma importante ben visibile.


Per ultimo, si parla di Stiramento (o elongazione muscolare) cioè quando le fibre muscolari sono sottoposte ad un allungamento eccessivo, ma senza rottura.

Bisogna ricordare che i gradi di lesione possono essere stabiliti solo tramite indagine ecografica.


Ma come agire dopo una lesione muscolare?

Nella prima fase, risulta importante l’applicazione del ghiaccio locale, riposo funzionale e associazione di farmaci per ridurre la fase acuta e infiammatoria. Nella seconda fase, la Fisioterapia , gioca un ruolo molto importante per la completa guarigione e per la ripresa dell’attività sportiva.

Le pratiche riabilitative per il trattamento dello strappo muscolare , prevedono come primo step, terapie fisiche mirate a ridurre l’edema , il dolore e a velocizzare la cicatrizzazione muscolare.


Le terapie che vengono usate per il trattamento delle lesioni sono:

  • Tecar

  • Ultrasuoni

  • Laserterapia

  • Magnetoterapia

  • Kinesio Taping

Nel secondo step si inseriscono esercizi terapeutici (propriocettiva , allungamento muscolare) mirati a portare gradualmente l’atleta ad una guarigione completa e alla ripresa dell’attività fisica.

7 visualizzazioni