• Salus Vercelli

Cosa succede all’apparato muscolare con l’inattività?

Vi è mai capitato di pensare di aver perso tutto il muscolo dopo una sosta dall’allenamento data dalle vacanze, daperiodi di eccessivo stress e stanchezza o da infortunio?


La sedentarietà o l’immobilizzazione forzata innesca un processo chiamato decondizionamento muscolare, ovvero il muscolo inizia a perdere massa muscolare immediatamente dopo l’immobilizzazione entrando in uno stato catabolico durante il quale diminuisce la sintesi delle proteine e aumenta la loro degradazione.


La conseguenza è l’atrofia muscolare cioè il muscolo si assottiglia in maniera molto evidente, associato a perdita della forza, aumento della massa grassa ed aumento della fatica nei movimenti.

Basti pensare che in una sola settimana il peso del muscolo si riduce del 20%, il quadricipite ad esempio può perdere tra il 15 e il 30% della sua forza dopo 8 giorni di immobilizzazione e fino al 40% in un mese.


Fisiologicamente la sintesi di nuovo tessuto muscolare e quindi l’incremento di volume richiede invece mesi di esercizi specifici finalizzati all’ipertrofia. Questo tipo di allenamento avviene con la sollecitazione attraverso stimoli (stress) crescenti nel tempo a carico del muscolo con l’utilizzo di sovraccarichiprogressivi.


I risultati sono l’accrescimento della massa muscolare e della forza massimale, che sono correlati al tipo di allenamento, il quale deve essere svolto con la giusta programmazione e personalizzazione, all’alimentazione, alla genetica, ai fattori ormonali e all’età.


È fondamentale quindi seguire un programma di riabilitazione efficace post-intervento chirurgico per recuperare il tono e la forza muscolare e per prevenire l’insorgenza di dolori articolari.


Inoltre è importante svolgere attività fisica in modo costante per mantenere il tono e la forza muscolare, per prevenire le patologie e i fattori di rischio legati alla sedentarietà, per rallentare l’invecchiamento fisiologico dell’apparato muscolo-scheletrico, ma anche per un miglioramento dell’autostima con ripercussioni positive sulla sfera psicologica.


D.ssa Martina Olmo

116 visualizzazioni